Home > il mondo di quark > LA CASSIERA

LA CASSIERA

Iper*oop di Monza – Self Service


Cliente: Vorrei un trancio di margherita
Cassiera: E da bere?
Cliente: Mezza naturale
Cassiera: Eh, ma l’acqua devo dargliene 1, non mezza…
Cliente: …

Io mi chiedo certa gente come fanno ad assumerla

Annunci
Categorie:il mondo di quark
  1. 25 novembre 2011 alle 2:44 pm

    NON-CI-CREDO!!! ti prego, dimmi che non è successo davvero!!!!

  2. 25 novembre 2011 alle 3:13 pm

    Voleva la bottiglietta da mezzo litro .. ovviamente.Comunque queste manifestazioni di incompetenza sono figlie della mancanza della "cultura di servizio" nelle imprese cosi come nella societá italiota in generale.Non dimentichero' mai la sceneggiata assurda di un barista in servizio sulla carrozza ristorante di un Eurostar qualche tempo fa impegnato in una discussione infinita con un cliente che aveva bisogno di una bottiglietta d'acqua naturale per prendere una pillola. La difficolta' risiedeva nel fatto che il cliente aveva da pagare con una banconota da 50 e l'inserviente non aveva il resto perche' il viaggio era appena iniziato e non aveva molta cassa. La soluzione piu' semplice sarebbe stata offrire al cliente una sorso d'acqua A GRATIS in un bicchiere a titolo di liberalita, visto che basta pochissima acqua per prendere la pillola invece di perdersi in mille parole.

  3. 25 novembre 2011 alle 4:09 pm

    @Sgiusgiola: è vero si!@13enne: certa gente davvero non ce la fa. La parte bella è che poco prima, mentre stavamo ordinando da mangiare la signora mi dice: Eh no, dovete prendere le cose già pronte. E la sua collega DI FIANCO A LEI mi dice: se però non ci sono, le prepariamo al momento. Ok, le rispondo, prendo un panino XY. E la rinco mi dice: No signora, deve prendere uno di quelli già pronti. Minchia, ma ce la fai?!?!!?

  4. 29 novembre 2011 alle 10:27 am

    no. li cercano proprio così. non c'è altra spiegazione.non immagini il qi di certi impiegati/agenti delle assicurazioni cosa arrivano a dire.avete presente le domande che si fanno ai piccoli dopo che li hai presi dall'asilo?che per sapere cos'hanno fatto durante la giornata, devi fare mille domande sequenziali? ecco. così.e poi scopri che il problema era tutt'altro e il numero di polizza che ti hanno dato non esiste da anni.li assumono proprio così. è per questo che c'è tanta gente valida a casa.

  5. 29 novembre 2011 alle 10:48 am

    no!! mi rifiuto, non la riconosco in quanto mia collega :)Cassiera in bilico

  6. 29 novembre 2011 alle 4:20 pm

    @Perennementesloggata: io con i clienti ho a che fare tutto il giorno e, credimi, di ostiate ne sento tante… Ma la tizia è la numero 1 ahahaha@Cassiera: ahahahahah brava, prendi le distanze ahahahah

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: