DOMENICA – Post 3 di 3

La sveglia della Carota era puntata alle 8:30 in vista della preparazione e delle prove supplementari fissate per le ore 11, ma dopo lo stress fisico e psicologico derivato dall’incontro con lo scarrafozzo, ben intenderete che la sottoscritta, una volta sentito l’orrido rumore proveniente dal suo strafighissimo telefono ha ben pensato di spegnerlo con la classica frase “5 minuti e mi alzo”. Peccato che i 5 minuti si siano trasformati in 2 ore…Ma va beh!
Ore 10:30, quindi, sveglia in preda al panico, rapida occhiata alla finestra per valutare le condizioni climatiche e relativa telefonata alla teacher per chiedere se con quel freddo suino era il caso che si ballasse…
La Teacher risponde che intanto ci becchiamo a provare (“Si Carota, vai tranquilla, non c’è problema se sei in ritardo”) e poi decidiamo che fare per il pomeriggio.
Ritrovo a casa della ex Teacher Fede e prove. Lieve perplessità riguardo al clima, ma dato che alle 14 faceva un caldo suino decidiamo di ballare lo stesso.
Alle ore 15:45 Siamo tutte nella Piazza di Carotaville guardando tristi il cielo ed i nuvoloni che lo coprivano, tirando uno smodato quantitativo di madonne per il vento ed il freddo becco.
La piazza ricordava vagamente una di quelle scene da film western, la desolazione + totale. Fino all’ultimo indecise se ballare o meno, decidiamo di posticipare lo spettacolo di una mezz’ora sperando che una volta finiti F1 e partite la gente decidesse di mettere il naso fuori casa. Cosa che è poi accaduta… solo che gli unici presenti erano parenti ed amici delle dancers E QUI CI VUOLE UNO SPECIALE RINGRAZIAMENTO AL RIZARD CHE, DAL VENETO, SFIDANDO LE INTEMPERIE, E’ ARRIVATO A VEDERCI e anche a QUALCUNO a cui va il mio CARBAC x essersi ricordato che era il giorno dello spettacoloc!!! Zero presentazioni, via sul palco, mezze nude, si balla!!!! E che culo, abbiamo pensato come una sola mente. Va beh, anche questa è andata. Ma a sto giro niente foto, un pò per il motivo che la mia faccia, qui, non ce la metto; un pò perchè sembro un transessuale consumato in quasi tutte le foto…
La serata si è conclusa, dopo un rapido aperitivo, al ristorante Japan con il Rizard che ha visto una dolce donzella tramutarsi in un bidone della monnezza ambulante, dato il largo quantitativo di cibo ingerito e una telefonata che si è svolta + o meno così.
Carota: Sociaaaaaaaaa!
Svitata: Sociaaaaaaaaa!
Carota: Sociaaaaaaaaa CIAO!!!!
Svitata: Sociaaaaaaaa CIAO!!!!
Carota: Sociaaaaaaaa!!!!
Svitata: Sociaaaaaaaaaa!!!
E così via per i successivi 10 minuti + o meno!!!
Direi che con questo post conclusivo posso comunicare ufficialmente che è stato un gran week end!
Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: